La ZAD: tra radicalismo utopico e pragmatismo negoziato

La gente partecipa a una manifestazione allo ZAD vicino a Nantes, Francia - 8 ottobre 2016. Foto: Stephane Mah
0

Il confronto pluriennale della ZAD con lo Stato francese contiene molte lezioni sul ruolo dell’unità nelle lotte radicali e sull’efficacia delle strategie di occupazione della terra.

di Fareen Parvez & Stellan Vinthagen, ROAR Magazine – 11 settembre 2021

La pandemia globale di coronavirus ha messo in evidenza i molti fallimenti degli stati capitalisti contemporanei in tutto il mondo. Questi includono il fallimento nel garantire la giustizia sociale ed economica e nel fornire protezioni di base per gli individui e le comunità più vulnerabili, dai rifugiati ai senzatetto. Di conseguenza, ha anche reso chiaro il bisogno dei movimenti sociali non solo di resistere alla violenza dello stato e alla sua facilitazione del capitalismo globale, ma di costruire simultaneamente e attivamente una politica prefigurativa verso una società alternativa. Ritagliarsi spazi autonomi per l’aiuto reciproco e la politica radicale è più importante che mai.

Tra la moltitudine di modi in cui i movimenti si impegnano nella politica prefigurativa, le lotte per l’occupazione della terra sono state a lungo centrali – dalle storiche comunità Maroon formate da schiavi fuggitivi in tutta l’America Latina, gli Acampamentos di lunga data del Movimento dei Lavoratori Senza Terra in Brasile, alla breve vita della Capitol Hill Autonomous Zone a Seattle in seguito alla rivolta in risposta all’omicidio di George Floyd.

Uno di questi movimenti, relativamente sconosciuto fuori dall’Europa, è la Zone à Défendre (Zona da difendere), la ZAD, nella Francia occidentale. Situata nel comune di Notre-Dame-des-Landes fuori dalla città di Nantes, la ZAD è la più grande delle decine di zone di occupazione in Francia. È nata come un progetto contro le grandi opere che si opponeva alla costruzione di un aeroporto internazionale e sopravvive ancora oggi nonostante i ripetuti sforzi dello Stato per schiacciarla.

Le lotte della ZAD illustrano sia il potenziale che le molte sfide affrontate dai movimenti di occupazione radicale di oggi. La storia mostra che quando i movimenti radicali si spingono oltre i limiti dell’egemonia capitalista globale, gli Stati rispondono con una repressione brutale. Esempi, tra i tanti, includono la Settimana di Sangue che pose fine alla Comune di Parigi del 1871, gli attacchi militari della Turchia alle città autonome curde e i ripetuti massacri di attivisti del Movimento dei Lavoratori Senza Terra da parte della polizia o delle milizie private in Brasile.

Oltre all’uso della forza a oltranza, tuttavia, gli Stati contemporanei si sono sempre più rivolti ad altre tattiche. Mentre l’opinione pubblica ed i regimi dei diritti umani fanno pressione sugli Stati per usare mezzi “legittimi e proporzionati”, essi utilizzano la repressione legale-burocratica e ideologica, per sedurre, manipolare e incorporare forzatamente i movimenti nel sistema. Abbiamo visto questo all’opera contro gli squatter urbani e le occupazioni di terre rurali in tutto il mondo, dove gli Stati impiegano un ampio repertorio di tattiche – dalla cooptazione dei leader alla promozione della gentrificazione. In definitiva, però, è la minaccia della violenza che rende praticabili tali strategie giuridico-burocratiche. La storia della ZAD ripete molti di questi modelli.

La ZAD solleva anche domande sul ruolo dell’unità nella lotta radicale, così come sull’efficacia di specifiche strategie di occupazione della terra. È sufficiente condividere un nemico comune – in questo caso un progetto di sviluppo dell’aeroporto – o i membri devono condividere la stessa visione della politica prefigurativa? Mentre lo Stato francese cerca di incorporare i resti della ZAD in una visione di sviluppo rurale capitalista – come sempre, con l’appoggio della violenza della polizia – come fanno i membri a continuare la loro lotta? Dove sono le crepe all’interno del sistema repressivo stato-capitalista che gli attivisti radicali possono usare a loro vantaggio e per la loro sopravvivenza?

Per cercare alcune risposte a queste domande, abbiamo fatto diverse visite alla ZAD nel corso di alcuni anni, l’ultima all’inizio del 2020. Come sociologi e attivisti con un lungo interesse per la resistenza e la politica prefigurativa, abbiamo condiviso le simpatie per il movimento e abbiamo sviluppato una comprensione più intima della lotta parlando con i residenti e guardando più da vicino sul terreno. Quello che abbiamo visto si discostava dalla narrativa dominante, che aveva dichiarato la fine e la sconfitta della ZAD.

Una coalizione di successo

Quasi 50 anni fa, l’opposizione locale è emersa contro un piano per un grande aeroporto internazionale a Notre-Dame-des-Landes, che sarebbe stato in parte di proprietà di capitale privato fortemente sovvenzionato dallo Stato. L’opposizione iniziò con la formazione di associazioni, organizzando incontri, pubblicando articoli e discutendo il progetto con i funzionari eletti. Nei decenni successivi, si è sviluppata in una coalizione unica di agricoltori e attivisti anti-corporativi e ambientali, mobilitati nella lotta anti-aeroporto e gradualmente diventati più radicali nel loro rifiuto del progetto.

Nell’estate del 2009, dopo una settimana di Climate Action Camp tenutosi nel sito, gli attivisti hanno iniziato l’occupazione del territorio in solidarietà con i pochi agricoltori che si rifiutavano di trasferirsi. Al suo apice nel 2012, il movimento ha attirato oltre 40.000 manifestanti da tutto il paese contro “l’aeroporto e il suo mondo” e in difesa del territorio come progetto comunitario. Nell’ultimo decennio, le poche centinaia di occupanti della ZAD – contadini residenti e squatters – hanno difeso il territorio di 1.650 ettari come zona autonoma collettiva, costruendo anche una politica prefigurativa, praticando libertà e resistenza nella loro vita quotidiana.

Sul territorio occupato, alla fine è emersa una nuova società utopica basata interamente sulla partecipazione condivisa e su un senso collettivo di proprietà. Comprendeva dozzine di collettivi abitativi composti da abitazioni di fortuna, un panificio, un caseificio, cooperative agricole, uno studio di musica hip-hop, una biblioteca, la stazione radio locale Klaxon, il giornale locale della ZAD, così come luoghi per incontri sociali che hanno attirato attivisti politici da tutto il mondo.

I residenti hanno organizzato il lavoro come volontari e attraverso cooperative, sia nella segheria che negli studi d’arte. Hanno mappato la fauna della zona e formato un gruppo per gestire i conflitti interni. Hanno organizzato i loro piani in un’assemblea generale, prendendo le decisioni nel modo più unanime possibile, rafforzando nel contempo la loro rete di sostegno, che comprendeva diverse ONG in tutta la Francia. La ZAD è un esperimento di vita socialista auto-organizzata, con l’obiettivo di limitare il rapporto dei suoi partecipanti con il capitalismo.

Dall’inizio dell’occupazione territoriale, i residenti hanno vissuto con la minaccia quasi costante di sfratti violenti. Durante l’Opération César nel 2012, 1.000 poliziotti in assetto antisommossa hanno raso al suolo le loro infrastrutture e i loro giardini ed hanno tentato gli sfratti. Ma lo Stato alla fine ha rinunciato a questa strategia a causa della pressione combinata di un massiccio movimento di resistenza di migliaia di attivisti da un lato e una critica nazionale della violenza della polizia dall’altro. Come tale, l’attacco della polizia ha solo incoraggiato il movimento, portando alla ricostruzione collettiva delle strutture e a una genuina fioritura della vita comunitaria. Nel 2018, con la crescente critica nazionale al progetto dell’aeroporto e alle sue potenziali conseguenze ecologiche, lo Stato ha accettato la sconfitta e ha annunciato la cancellazione del progetto di sviluppo. Invece di assistere al matrimonio tra Stato e Capitale, gli zadisti e i loro sostenitori hanno finalmente celebrato con gioia la vittoria di una lotta popolare.

L’egemonia attraverso la burocrazia

Tuttavia, la vittoria si è presto rivelata agrodolce, poiché la cancellazione del progetto è stata accompagnata da ordini di espulsione contro gli zadisti. L’operazione di sgombero dell’aprile 2018 è stata una delle più grandi operazioni interne della Francia dal maggio ’68. Circa 2.500 gendarmi hanno ricevuto l’ordine di sfrattare i 300 residenti, sparando 11.000 granate e ferendo 270 persone, tra i residenti e i loro sostenitori. Questa operazione – che distrusse la metà di tutti gli edifici e naturalmente traumatizzò molti residenti – spinse alcuni a lasciare la ZAD, mentre altri decisero di ricostruire le loro case e la loro visione di nuovo, anche se ciò significava lavorare dentro e intorno ai termini e alle condizioni dello Stato.

Le lotte di occupazione anticapitalista come la ZAD hanno ognuna le proprie dinamiche, mentre da una parte hanno a che fare con la repressione della polizia e gli sgomberi, e dall’altra cercano di portare in vita principi radicali che rifiutano il capitalismo pur esistendo al suo interno. Ad un certo punto, tutti loro sono alle prese con la questione di come realizzare le loro ambizioni rivoluzionarie mentre si confrontano con la necessità di scendere a compromessi con lo Stato e la sua burocrazia.

Il filosofo marxista e militante italiano Antonio Gramsci ha sostenuto che gli Stati capitalisti occidentali esercitano il dominio attraverso l’egemonia, o una combinazione di forza e consenso. Il consenso al sistema è organizzato attraverso le strutture della società civile, che a loro volta diventano il luogo della lotta ideologica. In Francia, come in molti altri luoghi oggi, lo Stato non può contare solo sul “pugno di ferro” dei gendarmi, ma deve anche generare consenso all’ideologia capitalista all’interno della società più ampia, ottenendo così successo nella sua lotta per contenere o erodere la visione di un mondo diverso, lanciata dalla ZAD. Generare consenso è ancora più importante in questo caso, dove un movimento di resistenza sostenuto nel tempo ha portato il grande pubblico a diventare indifferente all’aeroporto, così come all’uso della violenza della polizia.

Con la minaccia della forza ancora in agguato sullo sfondo, la burocrazia è diventata l’arma primaria di un governo regionale orientato a generare consenso. Alla fine della primavera del 2018, nel mezzo di sfratti violenti, lo Stato si è offerto di negoziare con gli zadisti. Permetterebbe loro di rimanere, a condizione che affittino appezzamenti di terreno per progetti “economicamente validi”. Questi sarebbero stati solo agricoli, dall’allevamento di pecore alla coltivazione di lumache, e orientati verso la produzione di mercato. I residenti sarebbero dovuti passare attraverso il lungo processo di acquisizione dell’approvazione da parte dell’agenzia governativa regionale.

Dal punto di vista dello Stato, queste sono concessioni che non “toccano l’essenziale”, nei termini di Gramsci. In altre parole, evitano di distribuire la terra gratuitamente o di permettere l’esistenza di una comune socialista. E, cosa importante, sono anche tecniche che facilitano il potere giuridico-burocratico dello Stato.

Questo avrebbe portato a tremendi cambiamenti ai quali gli zadisti hanno cercato di resistere. Prima degli sgomberi, i residenti mettevano in comune le risorse, distribuivano gratuitamente il cibo, stabilivano uno scambio “non di mercato” e tenevano assemblee settimanali. Con una conoscenza intima della terra stessa, avevano sfidato con successo le concezioni capitaliste del tempo e dello spazio e trovato modi alternativi di esistere in relazione alla natura e tra di loro. Miravano, come molti progetti utopici, a un’armonia tra individuo e collettivo.

L’istituzione di un sistema di affitti individuali e di mercatizzazione potrebbe profondamente distruggere e corrompere la visione della ZAD di un collettivo anticapitalista e minare i diversi modi di vita che costituiscono la sua politica prefigurativa. I nuovi requisiti legali costringerebbero le persone a lavorare tutto il giorno in un campo agricolo specializzato sotto la gerarchia di un proprietario, minando il tempo libero e la libertà che apprezzano e il loro rifiuto di principio della specializzazione. I codici burocratici che richiedono una costruzione “adeguata” per le case ostacolerebbero le capanne e le yurte artistiche che gli occupanti hanno amorevolmente costruito – e ricostruito – per anni. Soprattutto, il concetto di locazione individuale si scontrava con tutto ciò che la ZAD aveva rappresentato. Rafforzare il principio dell’individualismo è probabilmente la chiave dell’egemonia dello Stato.

Oltre a minare le strutture di vita quotidiana e i valori anticapitalisti, l’imposizione da parte dello Stato di questi requisiti legali-burocratici ha giocato la sua parte nel cucire le divisioni tra i residenti così come all’interno del più ampio movimento che aveva sostenuto la ZAD. Gli occupanti non erano mai stati veramente unificati da una visione politica o da uno stile di vita singolare. Piuttosto, condividevano un nemico comune nella forma dell’aeroporto pianificato. Alcuni provenivano da ambienti professionali, mentre altri avevano fatto parte di comunità urbane anarchiche abusive. Il veganismo e il rapporto con gli animali, sia in termini di dieta che di proprietà, erano altre divisioni che tagliavano la ZAD.

Quando la violenza travolgente del 2018 li ha costretti a prendere decisioni sull’opportunità di negoziare con lo Stato per rimanere, queste divisioni interne sono venute alla ribalta. Attraverso l’assemblea generale, gli zadisti hanno cercato di formare una strategia collettiva per trattare con lo Stato. Ma la pressione ad agire velocemente, le minacce di ulteriori sfratti, le demolizioni dei loro edifici e le forti differenze di principio hanno reso difficile l’unificazione.

Alla fine il processo decisionale si ruppe – le divisioni su tutto, dal compromesso con lo Stato alle pratiche di allevamento degli animali, si rivelarono troppo per il collettivo in quel momento. Alcuni decisero di lasciare del tutto la comune, mentre alcuni altri cercarono di sabotare i progetti agricoli negoziati. Max, un uomo di 30 anni che viveva alla ZAD da otto anni e che si era rifugiato in una delle fattorie proposte per l’allevamento di pecore, sentiva che i piani individuali degli zadisti per legalizzare i loro appezzamenti tradivano la promessa del collettivo. Per lui, era “la fine di un sogno”.

Erigere requisiti legali intorno alla proprietà privata e all’agricoltura ha anche indirettamente indebolito le alleanze esterne che una volta avevano sostenuto la ZAD e attirato migliaia di sostenitori. Questi sostenitori si erano uniti nel movimento di massa contro l’aeroporto, ma con la cancellazione del progetto, la base della legittimità della ZAD è diventata ambigua agli occhi del movimento più ampio. Lo stato ha potuto approfittare di questo momento, usando una strategia repressiva e divisiva che è stata collaudata nell’approccio ai movimenti abusivi ovunque. Ora, solo i residenti della zona che accettavano le condizioni dello stato sarebbero stati considerati accettabili. Quelli che rifiutavano ideologicamente lo stato – o quelli che si rifiutavano di giocare il gioco legale-burocratico – sarebbero stati bollati come anarchici criminali. Secondo Max, le ONG e gli attivisti ecologisti che si erano opposti all’aeroporto avrebbero sostenuto allegramente l’agricoltura contadina, diventando così legittimi agli occhi dello Stato. Perché, si chiedeva, avrebbero continuato a sostenere la più ampia politica anticapitalista e prefigurativa e la sua associazione con gli anarchici?

La combinazione di concessioni da parte dello Stato dopo uno sfratto brutale dei “criminali” è stata chiaramente una mossa astuta nella lotta per l’egemonia, anche se non è sconosciuta ai movimenti di occupazione della terra che vanno dal Movimento dei lavoratori senza terra del Brasile a Freetown Christiania nella capitale danese Copenhagen.

Una doppia strategia di resistenza

Come hanno risposto gli zadisti? Quali strategie stanno usando per difendere le loro visioni politiche? Per essere chiari, dopo gli sgomberi hanno avuto poca scelta se non quella di accettare concessioni: sette delle settanta strutture abitative che si sono rifiutate di firmare accordi con lo Stato sono state rase al suolo in poche settimane.

Alla luce di ciò, gli zadisti hanno trasformato la loro resistenza in una doppia strategia di scontro occasionale da un lato, e di aggiramenti e manipolazioni della legge, della burocrazia e della logica individualista del capitalismo, dall’altro. Essi combinano quindi forme mascherate di resistenza con continui atti di disobbedienza civile e manifestazioni pubbliche di protesta. Questa doppia strategia rappresenta uno spostamento dall’enfatizzare la costruzione di barricate e il confronto aperto con la polizia verso nuove e sottili forme nel dominio della resistenza quotidiana che richiedono creatività e flessibilità, cercando il potenziale negli spazi tra forza e consenso nell’arsenale burocratico dello Stato.

Un esempio di questo può essere visto nel modo in cui cercano di mantenere il loro sogno di un bene comune, attraverso alcune abili manipolazioni legali. Poiché la visione zadista della vita economica si è sempre basata su un’economia solidale di cooperative, una delle strategie in esame è quella di firmare contratti di proprietà individuale come richiesto dallo Stato, ma poi donare tutto ad una dotazione collettiva che i residenti gestiscono democraticamente. Questo è simile a ciò che è avvenuto a Freetown Christiania. Una massiccia raccolta di donazioni di terra trasformerebbe la ZAD in un bene comune, ancora una volta. In altre parole, i residenti parteciperebbero superficialmente alla sacra istituzione capitalista dei diritti di proprietà – solo per abolirla all’interno del proprio territorio.

Ma accanto all’obbediente firma di moduli e contratti c’è l’occasionale tattica di confronto: nel 2019, alcuni residenti hanno occupato una strada cittadina, chiedendo che la commissione governativa incaricata di determinare la zonizzazione regionale li includesse nelle loro discussioni. Altre volte, si impegnano meno in azioni di disobbedienza civile conflittuali, ma piuttosto in manifestazioni simboliche che inquadrano la loro lotta collettiva. Nel gennaio 2020, circa 25 membri hanno fatto un evento pubblico di presentazione formale delle loro richieste di approvazione di progetti agricoli presso l’ufficio del sindaco di Notre-Dame-des-Landes. Mentre pedalavano insieme dalla ZAD all’ufficio del sindaco, è stato significativo che abbiano agito collettivamente, anche se stavano presentando domande individuali. I media locali hanno coperto il piccolo ma importante evento, attirando l’attenzione sulla questione e facendo una leggera pressione sull’ufficio del governo affinché approvasse le loro richieste.

Forse altrettanto importante quanto la loro abile navigazione del sistema legale-burocratico è un vibrante programma di educazione politica e la creazione di legami con le lotte anticapitaliste nel mondo. Abbiamo condiviso numerose conversazioni con i residenti sul pericolo che la ZAD diventi così immersa nel mondo dell’ecologia e dell’agricoltura da perdere di vista la loro immaginazione politica radicale. Per difendersi da questo occorre mantenere consapevolmente le azioni di solidarietà che hanno abbracciato nel corso dei molti anni del progetto. Questo include la donazione di pasti ai lavoratori migranti e a quelli in sciopero e l’accoglienza dei rifugiati e di coloro a cui è stato negato l’asilo – un atto che prefigura una società basata sulla solidarietà e sfida le leggi della cittadinanza e dei confini.

La loro costruzione collettiva de l’Ambazada, uno spazio di raccolta splendidamente progettato, sostiene l’obiettivo della formazione politica e la costruzione di coalizioni internazionali tra gli attivisti. Negli ultimi anni, hanno accolto diversi compagni dagli Zapatisti, al Movimento dei lavoratori senza terra ed agli attivisti indipendentisti baschi.

L’educazione politica come mezzo di resistenza è lontana dal costruire barricate. Eppure serve anche a scopi radicali – in questo caso, l’apprendimento reciproco e il sostegno tra i movimenti rivoluzionari. Nelle parole di uno zadista di lunga data, “Finché gli obiettivi rimangono radicali, si usano gli strumenti che si hanno, anche se sono gli strumenti del padrone. Possiamo firmare contratti e usare la legge, come la gente ha fatto in tutto il mondo. E poi resistiamo in altri modi”.

Verso una convergenza di lotte

Anche se i membri della ZAD hanno praticato una politica prefigurativa basata sull’aiuto reciproco, la condivisione orizzontale del potere, la libertà e la solidarietà, molto resta da sviluppare e rivalutare. Nel suo recente saggio sulla ZAD, la ricercatrice e regista francese Amandine Gay scrive della “crisi di un’utopia bianca”, sottolineando i modi in cui i movimenti di sinistra francesi sono rimasti ciechi alle dinamiche della dominazione razziale, indipendentemente dalla profondità dei loro impegni politici. Sulla base della sua storia con gli spazi del movimento ecologista di sinistra e della sua visita alla ZAD, nota la mancanza di legami con le comunità di colore nelle città circostanti, così come la mancanza di attenzione all’interno della ZAD ai lavoratori agricoli neri della Martinica e della Guadalupa o alle lotte per la terra degli indigeni nella Guyana francese. Il risultato è la riproduzione di una “violenza diffusa e ancestrale”.

Come ci ha confidato un giovane zadista nordafricano, ha sentito gli effetti del razzismo anche tra i suoi compagni di residenza: “Per come ci guardano, hanno paura di noi. Non capiscono il loro privilegio bianco”. Eppure, rimane allo ZAD “per resistere! “Siamo pronti”, ha detto. “È tutta la vita che combattiamo contro la polizia”.

Per essere sicuri, gli zadisti si impegnano ed esprimono sostegno alle diverse lotte dal Rojava alla Palestina, e abbracciano i migranti senza documenti dell’Africa settentrionale e subsahariana. Ma secondo la nostra valutazione, c’è molto lavoro da fare in termini di minare attivamente il privilegio bianco e l’essere bianchi più in generale.

Nelle poche conversazioni che abbiamo avuto su questi temi, i residenti erano certamente consapevoli che la realtà della violenza della polizia, per esempio, era condannata popolarmente solo quando loro – attivisti bianchi (dello ZAD o del movimento dei Gilet Gialli) – erano i bersagli. Hanno ammesso che i decenni di violenza della polizia contro i giovani di colore della classe operaia difficilmente attiravano la preoccupazione pubblica. Ma era meno chiaro quanto queste preoccupazioni fossero centrali per il loro attivismo politico, per non parlare di altre questioni come la stigmatizzazione e la crescente persecuzione dei musulmani in Francia. Questo tipo di razzismo daltonico e “religioso”, che ha origine nello Stato, in effetti permea i movimenti sociali e le organizzazioni politiche francesi, sia il Partito Comunista che i Gilet Gialli.

La nostra speranza risiede nella giovane generazione di attivisti di colore che stanno spostando la conversazione in Francia, in modo che con una maggiore consapevolezza dell’ingiustizia razziale e della dominazione, i movimenti di occupazione prevalentemente bianchi possano espandere la loro visione della giustizia ad una che si occupi più direttamente della differenza razziale e culturale e di una prospettiva decoloniale. Ci uniamo a Gay, affermando con amore e solidarietà con gli zadisti, che solo quando i militanti bianchi fanno i conti con la centralità del privilegio bianco può esserci una vera convergenza delle lotte.

Rinnovo della ZAD e della sua visione

Nel gennaio 2019, i residenti hanno celebrato l’anniversario di un anno dalla cancellazione dell’aeroporto, in una festa nella foresta goduta da 500 persone. Quaranta persone hanno aiutato ad animare un pupazzo mobile di un gigantesco tritone – un tipo di salamandra – che hanno scelto come simbolo. Artisti e amici della ZAD con talento architettonico lo avevano progettato e fabbricato l’anno prima. Un tritone, come ha spiegato uno degli zadisti che ha partecipato alla sua costruzione, Camille, ha la capacità miracolosa di far ricrescere un cuore danneggiato quasi interamente. Meno di un anno dopo aver subito perdite e ferite devastanti, un tritone era un simbolo appropriato per abbellire la loro festa celebrativa.

Il grande pubblico sembra credere che la ZAD sia finita. Ma quello che abbiamo visto dipinge un quadro molto diverso. E ci sono ragioni per essere fiduciosi per il rinnovamento delle ambizioni rivoluzionarie della ZAD.

La ZAD ha subito un duro colpo attraverso gli sgomberi forzati e la distruzione di metà della sua nuova società. Eppure quelli che sono rimasti sono risorti con nuove tattiche e una nuova consapevolezza, mostrando la resilienza della ZAD. Per diversi anni hanno dimostrato la possibilità di creare una società diversa a livello locale e, attraverso un’ampia alleanza di sostegno, di resistere alla repressione della polizia militarizzata. Ora percorrono una nuova strada, cercando di mantenere il nucleo della loro visione radicale attraverso l’adozione di altre tattiche.

La lotta allo ZAD è lungi dall’essere finita. Solo il tempo rivelerà fino a che punto la loro attuale strategia di resistenza quotidiana e manipolazione legale funzionerà e permetterà allo ZAD di essere qualcosa di diverso da ciò che lo stato ha in mente. Questo dipenderà dalla capacità del movimento di creare ed espandere le crepe esistenti all’interno del sistema repressivo stato-capitalista. Tuttavia, alcune cose sembrano chiare, e ci sono lezioni che possiamo trarre per le lotte future.

Ogni comunità radicale che prende la forma di un progetto prefigurativo che resiste anche alla dominazione deve, finché l’attuale ordine mondiale prevale, affrontare l’imperativo di cambiare le proprie tattiche. Le grandi mobilitazioni attivate da un nemico comune possono effettivamente essere potenti, ma dipendono dal potenziale di mobilitazione del nemico condannato o da una debolezza temporanea dello Stato. Ciò che ha unito le grandi mobilitazioni intorno alla ZAD non era il “capitalismo” o lo “stato”, ma l’aeroporto, come un mega progetto di sviluppo che avrebbe distrutto l’ecologia e il tessuto sociale di una società locale. Così, le migliaia di persone che si sono mobilitate in difesa della ZAD – prima della cancellazione del progetto dell’aeroporto – non condividevano necessariamente la stessa visione radicale degli zadisti che ispiravano un nuovo mondo sul territorio. Il nemico comune in questo caso era limitato a un certo tipo di progetto all’interno del sistema statale-capitalista. Non ha permesso una coalizione più ampia di gruppi e attivisti che continuasse la lotta oltre la cancellazione dell’aeroporto.

Senza la mobilitazione di un’ampia coalizione sociale, lo Stato francese potrebbe non percepire la pressione di apparire “ragionevole e proporzionale” nei suoi rapporti con la ZAD. E la paura di fondo di ogni Stato, che una lotta ispiri una diffusione delle ribellioni, potrebbe essere messa da parte. Quindi, sosteniamo che, con il mutare delle circostanze, i periodi di mobilitazione di massa e di confronto con le forze repressive ad un certo punto finiranno, lasciando il posto ad una forma molto più sottile di combattimento tra gli attivisti rimasti e lo Stato. Questo non è una sorpresa, se guardiamo la storia di altri movimenti radicali prefigurativi, è tanto più pertinente per i radicali prepararsi in anticipo per una situazione che costringa a una sorta di coesistenza con lo Stato e il capitalismo.

Questo non significa che le iniziative utopiche o radicali autonome siano senza valore. Infatti, possono essere la linfa vitale di una mobilitazione di massa che va avanti per raggiungere importanti vittorie e raccogliere abbastanza potere popolare per avere una forte posizione nei negoziati con lo stato quando arriva il momento. Anche quando sembrano fallire, le mobilitazioni di massa possono ispirare la diffusione di ribellioni simili, con grande paura dello Stato. E se il loro sviluppo prefigurativo di nuovi modi di vivere e di relazionarsi è robusto e stimolante, hanno il potenziale per connettersi a tentativi simili altrove, diventando parte di un’alleanza globale contro-culturale e prefigurativa di comunità radicali.

Ma in definitiva, qualsiasi lotta prefigurativa radicale deve trascendere l’obiettivo di combattere un nemico comune. Mentre un nemico comune porta ad alleanze che a volte sono necessarie e utili, rischia anche di mettere in ombra la visione prefigurativa. Con un saldo ancoraggio nella politica prefigurativa, le lotte radicali devono continuamente rivisitare, nutrire ed espandere la loro visione condivisa per una società diversa. Quelli di noi che sono solidali con le ribellioni radicali prefigurative contro l’ordine mondiale imperialista contemporaneo sperano che la ZAD sia una delle tante che espande e assicura la sua visione e continua a mostrarci una via da seguire.

—-

Autori:

Fareen Parvez è una etnografa, attivista e professoressa associata di sociologia all’Università del Massachusetts, Amherst (USA).

Stellan Vinthagen è uno studioso-attivista, professore di sociologia e direttore della Resistance Studies Initiative all’Università del Massachusetts, Amherst (USA), e attivo nella organizzazione War Resisters International.

Fonte: https://roarmag.org/essays/zad-radicalism-pragmatism

Traduzione di Marco Giustini

Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale (CC BY-NC 4.0)

L'indirizzo email non verrà pubblicato.