Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
rappresentanti comitati locali
#1
penso che potremmo inserire i documenti relativi alle rappresentanze dei comitati locali.
Intanto posto questo.

Comunicato Gattuso
La vicenda calabrese che ha portato alla individuazione di una proposta di referente regionale in seno al Comitato Operativo Transitorio (COT), merita qualche rigo di chiarimento. Anche al fine di far conoscere a chi ne fosse interessato una esperienza che rischia altrimenti di essere distorta ad arte.
Dall’assemblea di Bologna in poi nessuna componente politica né comitato di base dell’Altra Europa ha assunto l’iniziativa di convocare un’assemblea in Calabria per individuare il rappresentante locale. Non abbiamo ricevuto alcuna sollecitazione in tal senso neppure dai vertici dei partiti aderenti all’Altra Europa.
Ho ritenuto opportuno, in qualità di ex candidato alla presidenza della regione Calabria con la lista L’Altra Calabria e di ex candidato alle europee con la Lista Tsipras, , indire una riunione per il 7 febbraio (in extremis dunque, essendo i termini scaduti a fine gennaio e prolungati al 7 febbraio dal CO) per permettere l‘espressione di una proposta.  La riunione è stata convocata per mail e l’invito è stato inviato ai militanti che in campagna elettorale hanno sostenuto la Lista, compresi i rappresentanti dei Comitati territoriali pre-esistenti.  E’ stata inoltre pubblicizzata sui media locali attraverso un comunicato stampa.  L’assemblea ha avuto luogo regolarmente. Dall’assemblea è emersa una sola proposta di rappresentanza nel COT; si è fatto in particolare il mio nome. Ho personalmente invitato a considerare altre eventuali candidature tra i 24 ex candidati della Lista L’Altra Calabria, persone tutte di grande qualità.  A maggioranza tuttavia l’assemblea si è espressa sul mio nome; una parte dei presenti, tra cui il segretario regionale ed il segretario provinciale di Cosenza di Rifondazione, si è astenuta.
Da parte degli astenuti  si è affermato che il dissenso non era sul mio nominativo, bensì sul metodo, non essendo stato condotto alcun confronto con altre forze politiche della sinistra come SEL.  Non è stata avanzata tuttavia una proposta operativa alternativa per la nomina, né è trapelata informazione alcuna circa contatti con le altre forze politiche sul merito.  Sorprende un comunicato odierno da parte di due segretari cittadini di Rifondazione (di Cosenza e Catanzaro) che non hanno partecipato all’assemblea e non hanno giustificato la loro assenza.
La questione appare incresciosa per diversi ordini di ragione:
-           SEL nel corso del 2014 ha preferito un percorso fuori dall’Altra Europa, con candidatura alle primarie del PD e successiva composizione di una lista in coalizione con il PD;
-           In occasione delle elezioni regionali di novembre 2014, si era arrivati alla composizione di una lista (L’Altra Calabria) con il sostegno dichiarato ufficialmente dei comitati territoriali attivi in Calabria e presa d’atto del Comitato Operativo nazionale; tale Lista è stata l’unica che ha rappresentato appieno e coerentemente le istanze de L’Altra Europa, assumendole  apertamente come propria base culturale e programmatica in campagna elettorale;
-           All’Altra Calabria hanno dato sostegno esplicito e pubblico personalità come Barbara Spinelli, Eleonora Forenza, Paolo Ferrero, Guido Viale, Moni Ovadia (con un bellissimo video che sta su Youtube), Marco Revelli (che mi ha autorizzato a fare anche il suo nome in occasione del Comizio di chiusura della campagna elettorale), numerosi ex candidati dell’Altra Europa, alcuni dei quali sono addirittura venuti in Calabria a sostenere  in prima persona la nostra causa. Anche Guido Viale e Paolo Ferrero son stati tra noi e non hanno mancato di esprimere critiche alla scelta di scantonamento di  SEL;
-           È opportuno ancora rilevare che la scelta di SEL è stata mortificante per il popolo della sinistra e della Calabria tutta: non solo non è stato assicurato il posto di assessore richiesto ed atteso per il candidato di SEL Gianni Speranza (che si era speso in assurde primarie di salsa PD, pur essendo stato invitato numerose volte a comporre la Lista di sinistra unitaria in coerenza con L’Altra Europa e a cui  era stata prospettata una sua candidatura alla presidenza), ma il neo-Presidente della Regione, Mario Oliverio,  ha subito fatto comprendere l’aria che tira: nomina di un Presidente del Consiglio regionale di area PD inquisito; nomina di un esponente di NCD (Pino Gentile) che aveva governato con il fascista Scopelliti, alla vicepresidenza; nomina di due assessori sorprendenti – Carmela Lanzetta, declassata da Ministro,  e Nino De Gaetano, ex Rifondazione transitato al PD, lasciato fuori dalle liste da Oliverio con polemiche pesanti interne al PD,  ripescato  come assessore ai LLPP e Trasporti, e in odore di collusione mafiosa al punto tale che la Lanzetta  stessa ha ritenuto inopportuno accettare la carica in regione).
Alla luce di quanto sopra, le posizioni frenanti, apparentemente espresse da alcuni dirigenti di Rifondazione in Calabria appaiono discutibili e fuorvianti. Rischiano di produrre un forte disorientamento tra gli attivisti e i protagonisti de L’Altra Calabria e L’Altra Europa, compresi molti giovani militanti del partito che sono stati al nostro fianco con entusiasmo durante questi mesi.  Non essendo pervenuta ad oggi alcuna notizia di altre assemblee pubbliche in Calabria nei termini stabiliti dal CO, e di altre designazioni, a me sembra che la Calabria abbia il pieno diritto ad una sua rappresentanza in seno al COT.
Sono dunque ad esprimere la mia disponibilità, stante il consenso emero e l’espressione dal territorio in seno all’area politica de L’Altra Europa, a far parte del COT.
 
Domenico Gattuso
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)