Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
UN PIANO B PER L'EUROPA COSTRUIAMO L'ALTERNATIVA ALL'EUROPA DELL'AUSTERITÀ E DELLA G
#6
Credo che l'incontro sul Paln B svoltosi a Roma sia stato utile a stabilire dei contatti oltre i confini nazionali, contatti che risulteranno senz'altro utili per gli auspicati sviluppi futuri di un ampio movimento di dimensione europea.

Interessanti le analisi proposte nei vari interventi e le testimonianze dirette sulle lotte che si stanno dando in altri paesi. Anche se non sono riuscito a partecipare, da quanto ho letto e ho sentito da chi è stato a Roma, credo sia stata una bella giornata di reciproca conoscenza.

Credo altrettanto che non vada assolutamente distolta la nostra attenzione dalla questione che ha caratterizzato, sin dal suo nascere, PrimalePersone: mi riferisco alla ricerca di un "metodo", che si tramuti in concreta prassi, volto a restituire la sovranità al Popolo anche attraverso un cambiamento radicale del nostro modo di concepire la Politica.

L'enorme questione della "crisi della democrazia" è intrinsecamente legata alla crisi o, meglio, all'inadeguatezza, del sistema della rappresentanza, basata sulla delega, tanto partitica quanto sindacale. Il sistema rappresentativo costituisce l'ossatura istituzionale di tutti i così detti stati democratici e della nostra stessa Costituzione: di qui l'importanza generale di giungere ad un suo superamento in senso autenticamente democratico.

Dato che la questione dell'individuazione di un metodo valido, in quanto effettivamente democratico e trasparente, è centrale, urgente e cogente (come si desume anche da un passaggio dell'intervento di Ilaria che riporto qui: "La formazione di commissioni organizzative non impedisce, in ogni caso, la presa di decisione che è affidata esclusivamente all'Assemblea generale*, al cospetto di tutti, affinché ogni scelta possa essere la più democratica possibile."), penso sia necessario intavolare un ragionamento/confronto comune, a livello europeo, proprio sulle possibili forme della partecipazione democratica, anche attraverso il virtuoso utilizzo delle tecnologie informatiche disponibili e delle piattaforme decisionali, in particolare.

Personalmente vedrei come estremamente utile un incontro a livello europeo incentrato sulle questioni relative al "metodo - prassi", atteso che quelli basati sulla elencazione e stigmatizzazione dei problemi - come è stato l'incontro i Roma - (i principali dossier sono ormai ben individuati: Clima/Ambiente, Guerra/Migrazioni, Lavoro/Reddito, Diritti/Costituzione, Unione europea/Trattati (TTIP, TISA, ecc.)), non possono che trovarci concordi nel denunciare la gravità della situazione, lasciandoci tuttavia del tutto inermi rispetto alla possibilità di incidervi per porvi rimedio.
 
Darei questa chiara impostazione all'incontro internazionale che si è proposto di organizzare ad ottobre, puntando a svolgere una riunione preparatoria a livello nazionale tra tutti quei soggetti che condivido la centralità e l'ineludibilità della questione metodologica anche per la sua rilevanza strategica.
Cita messaggio


Messaggi in questa discussione
RE: UN PIANO B PER L'EUROPA COSTRUIAMO L'ALTERNATIVA ALL'EUROPA DELL'AUSTERITÀ E DELLA G - Vincenzo Pellegrino - 13/05/2016, 13:59

Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)