Prima le Persone
Sardegna l'isola che c'è - Versione stampabile

+- Prima le Persone (http://www.primalepersone.eu/cms/forum)
+-- Forum: Generale (http://www.primalepersone.eu/cms/forum/forumdisplay.php?fid=1)
+--- Forum: Bacheca (http://www.primalepersone.eu/cms/forum/forumdisplay.php?fid=2)
+--- Discussione: Sardegna l'isola che c'è (/showthread.php?tid=356)



Sardegna l'isola che c'è - Marco Memeo - 10/01/2016

[attachment=72]

Salve qui in alto e di seguito troverete in allegato 2 documenti unitari dei membri sardi di Prima le Persone, indirizzata alla comunità.
Il primo documento è una lettera in cui vi chiediamo di dare sostegno alle lotte per lautodeterminazione del popolo Sardo.
Il secondo documento è una bozza di risoluzione, emendabile, che se approvata sancirebbe il sostegno di tutta la comunità di prima le persone alle lotte del popolo sardo.
Riteniamo che sia superfluo dichiarare l'importanza che questo documento riveste al fine di lavorare alla creazione di una vasta rete di alleanze in terra sarda; obiettivo raggiungibile solamente se si lavora all'interno del variegato movimento indipendentista.
Naturalmente dopo la fase di discusssione sul forum il documento di sostegno da parte di tutta la comunità passera al vaglio della votazione.


RE: Sardegna l'isola che c'è - Simonetta Astigiano - 11/01/2016

Io penso che spetti a L'Altra Sardegna ed ai sardi presenti dentro PLP decidere. Personalmente non sono a favore delle spinte indipendentiste e mi pare che alcuni punti indicati nella lettera (ma non nel documento) siamo poco praticabili e poco realizzabili.
Il problema della militarizzazione dell'isola è evidente e reale, ma temo che fino a che restiamo nella NATO ci sia ben poco da fare; chiedere di intervenire  direttamente nella stipula dei trattati internazionali ed un sistema fiscale completamente separato mi sembrano poco realistici  come obiettivi.
Uscire dal patto di stabilità è invece una proposta che andrebbe sviluppata bene e discussa  in maniera coordinata tra tutte le Regioni e Comuni all'interno dei quali abbiamo la possibilità di esprimerci. Io credo, ad esempio, che debba andare di pari passo con un'analisi attenta dei bilanci per capire se ci siano margini di risparmio e per mettere in campo un bilancio partecipativo. Inoltre il rifiuto del patto di stabilità dovrebbe riguardare le spese sociali e dei beni comuni.