Prima le Persone

Versione completa: La ricerca italiana per la Grecia
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Segnalo, in particolare agli accademici tra noi, che hanno la possibilità di sottoscriverla, (Domenico, Marina e quant'altri), questa bella lettera aperta in solidarietà al popolo greco. Qui trovate il sito di pubblicazione con l'elenco dei sottoscrittori.
Il particolare valore di questo messaggio sta nella promessa e nell'impegno ad un concreto aiuto al popolo greco che i sottoscrittori si assumono.



                                                                    Lettera aperta in solidarietà al popolo greco


29 giugno 2015.
Un saluto alla popolazione greca tutta e, in particolar modo, alle nostre colleghe e ai nostri colleghi del mondo dell’istruzione, dell’università e della ricerca.
Chi vi scrive lo fa a poche centinaia di chilometri da dove vi trovate: eppure, se misurata col metro della consapevolezza e della preoccupazione per il futuro, anche questa breve distanza sembra sparire. E lo fa in giorni in cui ci ritroviamo, su quest’altra sponda del Mare Mediterraneo, a osservare con attenzione e apprensione le vicende che si susseguono nel vostro paese e intorno a esso.
Siamo studiose e studiosi, ricercatori e ricercatrici, docenti e scienziati degli atenei italiani. Alcuni tra noi si occupano di scienze umane e storiche, altri di scienze sociali, altri ancora di scienze matematiche, fisiche e naturali. Eppure ciascuno di noi condivide una forte riconoscenza nei confronti della cultura greca e della sua storia. Come potremmo altrimenti? È stata la Grecia la vera culla del pensiero occidentale, il crocevia di esperienze che ha generato per prima lo spirito dell’amore per la conoscenza, in ogni ambito del sapere. Tutte e tutti sappiamo perfettamente quanto la cultura e il pensiero greco abbiano contribuito a quell’originaria, vera spinta verso l’unità e la fratellanza degli esseri umani in questa parte del mondo. Tutti sappiamo che essa è la nostra radice, ben prima – e ben più – di ogni mito o ideologia che di volta in volta si è voluta fondativa per l’Europa.
Soprattutto, ognuno di noi condivide una seria preoccupazione per gli eventi che si stanno avvicendando in questi giorni, così come un profondo sdegno per il ricatto che vi è stato imposto dalla tecnocrazia dell’austerity, che ha ormai svelato il vero obiettivo della sua ferocia: quello di imporre un unico, fallimentare modello economico basato sull’annientamento della dignità umana.
Per questi motivi non possiamo non supportare il popolo greco in questa pagina difficile della sua storia. Siamo consapevoli che l’esito del referendum del 5 luglio prossimo, se come ci auguriamo si affermerà la vittoria del “NO”, porterà a un clima di confusione che si cercherà di strumentalizzare per far chinare il capo alle cittadine e ai cittadini greci. Per questo motivo ci impegniamo da subito, con questa lettera, a offrirvi la nostra solidarietà: non solo morale, ma anche nella forma di atti concreti. Ciò che mettiamo nero su bianco con queste parole è l’impegno, a titolo individuale e collettivo, a sostenervi e cooperare con voi per la ricostruzione della Grecia e la costruzione di un nuovo modello sociale, economico e politico, che attraversi e coinvolga anche quello snodo cruciale che è il mondo della conoscenza, in cui tutte e tutti noi lavoriamo.
Ci auguriamo che il popolo greco faccia la sua scelta in piena autonomia e dignità, mentre la solidarietà internazionale nei suoi confronti si rafforza e continua. Sappiamo che il mondo si sta indignando e mobilitando perché la Grecia possa dimostrare che un’Europa diversa – un mondo diverso – è davvero realizzabile, rifiutando l’aut-aut tra schiavitù al mercato o barbarie. Vogliamo esprimere a ciascuno di voi, e in particolare alle nostre colleghe e ai nostri colleghi, il nostro totale sostegno. Un ultimo appunto. Non troverete al termine di questa lettera il solito elenco di sole firme “prestigiose”: d’altronde, non è intenzione di chi vi scrive proporre la consueta dichiarazione di intenti, l’ennesima vetrina intellettuale destinata a lasciare il tempo che ha trovato. Perché la nostra vuole essere una promessa di solidarietà fattuale e incisiva, prologo a tempi nuovi e animati da uno spirito differente. Lo spirito di una nuova solidarietà tra i popoli dell’Europa e del Mediterraneo, in grado soprattutto, di costruire un sapere e un mondo nuovo, più giusto, più solidale, più libero.
Un enorme grazie a tutte e a tutti voi.
Viva la Grecia!
Care e cari tutti,

 
La riuscita della nostra iniziativa #ricercaperlagrecia è stata davvero grande. Nonostante l’ostracismo di gran parte dei media nazionali e internazionali, abbiamo dimostrato che il mondo dell’istruzione, dell’università e della ricerca ha ancora a cuore i valori della solidarietà e della democrazia. Vi ringraziamo tutte e tutti per esservi uniti in questa importante manifestazione di vicinanza al popolo greco e alla sua comunità accademica e scientifica, contribuendo a segnare un punto di svolta storico nella storia dell’Europa.
 
Ora, tuttavia, è tempo di dare forma concreta alle nostre parole, mettendo in atto la nostra solidarietà. Dopo esserci confrontati in questi giorni con i nostri colleghi greci, abbiamo deciso di portare avanti la nostra azione di solidarietà lungo questi tre assi:
 
·       -Progetti di ricerca: ci impegniamo a prevenire e impedire, qualsiasi tipo di isolamento internazionale così come a favorire l’integrazione delle studiose e degli studiosi che operano nei paesi del Mediterraneo. A tal fine, oltre alle possibilità già esistenti, proponiamo di ideare e costruire programmi e progetti di ricerca volti a una più fitta collaborazione tra la comunità scientifica e accademica della Grecia e degli altri paesi europei, in particolare quelli del Mediterraneo;
 
·       Condivisione delle risorse bibliografiche: ci impegniamo a costruire una rete di libero scambio e condivisione gratuita di articoli, saggi e libri per contrastare l’embargo imposto dalle misure di austerity nei confronti dell’accesso alle risorse bibliografiche, elemento essenziale e necessario della ricerca scientifica. Allo stesso tempo, ci impegniamo a favorire lo sviluppo di riviste e pubblicazioni in open access che garantiscano la messa comune di idee e conoscenze scientifiche;
 
·       Progetti di mobilità studentesca e professionale: ci impegniamo a elaborare, progettare e mettere in atto piani di mobilità rivolti agli studenti, ai ricercatori e ai docenti delle Università e degli Istituti di Ricerca della Grecia. A prescindere dalla tenuta degli accordi quadro a livello europeo (Erasmus, Erasmus Plus, etc…), ci impegniamo a intensificare i programmi di scambio tra la comunità studentesca e accademica internazionale, che amplifichino e rafforzino la circolazione di persone e idee, soprattutto tra i paesi del Mediterraneo.
 
Nelle prossime ore inoltreremo ai media e ai principali organi di informazione questo comunicato, che vi invitiamo a rilanciare e diffondere; allo stesso tempo, vi invitiamo a organizzare nei prossimi giorni, presso i vostri Atenei e Centri di Ricerca, degli incontri e delle assemblee per discutere i punti riportati in questo documento, al fine di poter elaborare un documento condiviso da consegnare alle nostre colleghe e ai nostri colleghi in Grecia, con la concreta speranza che esso diventi la base per un nuovo spirito  di crescita e condivisione libera e democratica tra i ricercatori di conoscenza dell’intera Europa. 
 
 
Il Comitato Promotore della Lettera Aperta “ricercaperlagrecia”
 
Fabrizio Rufo
Mattia Della Rocca
Carmela Morabito
 
Per informazioni e contatti: ricercaperlagrecia@gmail.com - http://ricercaperlagrecia.wordpress.com
Ottima iniziativa. Bravi!
(02/07/2015, 11:49)Vincenzo Pellegrino Ha scritto: [ -> ]Segnalo, in particolare agli accademici tra noi, che hanno la possibilità di sottoscriverla, (Domenico, Marina e quant'altri), questa bella lettera aperta in solidarietà al popolo greco. Qui trovate il sito di pubblicazione con l'elenco dei sottoscrittori.
Il particolare valore di questo messaggio sta nella promessa e nell'impegno ad un concreto aiuto al popolo greco che i sottoscrittori si assumono.
  Vincenzo, non sono accademica, ma farò girare tra gli amici. Grazie,
Marina