NO ALLA REPRESSIONE CONTRO IL MOVIMENTO NO TAV

Gli attivisti e le attiviste dell’Altra Europa si uniscono alla loro parlamentare europea, Eleonora Forenza, nella denuncia della repressione contro il movimento no tav, che lotta contro lo scempio del territorio della val di Susa. Al maxiprocesso di Torino sono state comminate pene per circa 143 anni ai quarantasette attivisti No Tav accusati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Si tratta dell’ennesimo episodio di dura repressione contro il movimento che si oppone, insieme con gli abitanti della Valle, alla distruzione del territorio per mezzo di opere inutili e devastanti, come quella per l’alta velocità sulla ferrovia Torino-Lione, e chiede che gli ingenti finanziamenti stanziati per l’opera siano destinati ad una reale valorizzazione della valle. Indignati, esprimiamo la nostra piena solidarietà agli attivisti e alle attiviste No Tav, e a Erri De Luca, accusato d’istigazione a delinquere per aver esercitato la libertà di opinione, perciò sottoposto a un processo di stampo fascista. Invitiamo a partecipare alla manifestazione nazionale indetta dal movimento il 21 Febbraio a Torino.