"Perché devono bombardare gli ospedali, oltretutto con le bombe che gli forniamo noi? E perché nessuno dice niente?"

La testimonianza diretta di un medico italiano che lavora, adesso in quel poco che ne è rimasto, nell'ospedale di Msf ad Abs, nel nord dello Yemen, bombardato ieri dalla coalizione guidata dall'Arabia Saudita, principale alleato occidentale nella lotta al "terrore". Questo scrive Marcello Bergami, che ringrazio.

Ho ricevuto due ore fa questa mail, da mio fratello che opera come

La Democrazia del futuro

Donald Trump negli Stati Uniti e forze populiste in Europa, l’esito del referendum sulla Brexit, il successo del M5S in importanti comuni italiani stanno portando molti illustri opinion leader a interrogarsi sulla democrazia.

Non per provare a migliorarla ma per capire se non sia piuttosto il caso di limitarla e restringerla.

Come si crea il nemico in casa

di Guido Viale

Dal razzismo nessuno è immune. Lo succhiamo con il latte materno. Lo assorbiamo con l’aria che respiriamo. Lo pratichiamo in forme spesso inconsapevoli. Per liberarcene ci vuole attenzione alle parole che usiamo e agli atti che compiamo. Non essere razzisti non è uno stato “naturale”; è il frutto di una continua autoeducazione. E’ come con la cultura patriarcale, a cui il razzismo è strettamente imparentato e che riguarda, in forme differenti, sia gli uomini che le donne; che ne sono spesso sia vittime che portatrici inconsapevoli. Ma anche il razzismo si manifesta, in forme diverse, sia in chi lo pratica che nelle vittime. Il pensiero postcoloniale ha fatto capire quanto è lunga la strada delle vittime per liberarsi dagli stereotipi dei dominatori. Questo è il “grado zero” del razzismo; che ha poi molti altri modi, vieppiù pesanti, di manifestarsi.

IL NO AL REFERENDUM COSTITUZIONALE: CAMBIARE PASSO

manif-NO-ref.pngdi Umberto Franchi

Credo che per cambiare passo alle nostre iniziative per fare vincere il NO al prossimo referendum costituzionale, sia necessario smascherare la favola , dell'Italia spendacciona che è vissuta sopra le proprie possibilità  facendo incrementare il debito pubblico  fino a farlo diventare di 2200 miliardi di euro... e quindi anche alla favola che votando SI al prossimo  referendum si inizierebbe a ridurre i costi della politica.
 Come fare ?
- E' necessario evidenziare come a seguito della divisione tra il Ministero del Tesoro e la Banca d'Italia avvenuta nel lontano 1981, la Banca di Italia non copre più i prestiti emessi dallo Stato ed è per quella scelta che il debito è cresciuto fino alla cifra menzionata diventando il 130% del PIL;

Da Napoli la spedizione dei mille al rovescio

OPG-je-so-pazzo.pngDa Napoli la spedizione dei mille al rovescio

9 Luglio 2016 di Aldo Rotolo

Napoli, 25 Giugno 2016. Assemblea per il Controllo Popolare all’ex OPG-Je So’ Pazzo. Le voci e gli interventi di una Rivoluzione anomala. Si parte da Napoli ma si guarda oltre. Per una spedizione dei mille al contrario dai mille volti e una sola volontà collettiva.

Pagine

Abbonamento a PRIMA LE PERSONE RSS